Quando sterilizzare un gatto

La sterilizzazione dei gatti porta al fatto che l'animale perde la sua capacità di riprodursi. Molti proprietari di animali domestici pelosi, quando affrontati per la prima volta con questo problema, si pongono una domanda ben fondata sul fatto che questo intervento possa essere considerato umano. Coloro che decidono su questo passo sono interessati a: a che età è meglio sterilizzare il gatto? Quali sono le conseguenze e le caratteristiche della procedura?

Sterilizzazione di un gatto: perché è necessario?

Quando sterilizzare un gatto?

Per decidere sulla sterilizzazione dell'animale domestico, ci sono diversi motivi:

  • Tutti i proprietari sanno che i gatti riproduttori sono costosi e problematici. In effetti, per garantire una vita confortevole per un animale domestico, una persona ha bisogno di spendere una certa quantità di finanze e sforzi. Se il tuo gatto produrrà periodicamente una prole, dovrai allevare e tenere molti animali.
  • Molte persone pensano che i gattini possano essere distribuiti, ma in pratica non è così facile da implementare. Mantenere gli stessi tanti gatti in un appartamento di città e quasi impossibile. Di conseguenza, alcuni non trovano alcuna soluzione al problema, tranne che per gettare i gattini per strada, dove sono condannati a rallentare la morte per fame e freddo.
  • Anche se hai eliminato tutte le possibilità che i gattini compaiano nel gatto, l'animale ne soffrirà durante la stagione riproduttiva. Producono cambiamenti comportamentali che sono spiacevoli per il proprietario.
  • Inoltre, tale astinenza danneggia la salute del gatto. Può portare a processi infiammatori nel sistema riproduttivo. Per esempio, per il cancro delle ovaie, delle ghiandole mammarie, ecc. Affinché tutto questo non accada al tuo animale, gli esperti raccomandano di sterilizzare il gatto.

Modi dell'operazione

Quando sterilizzare un gatto?

Gli esperti identificano diversi tipi di sterilizzazione dei gatti: radiale, medico e chirurgico. I medici più affidabili chiamano sterilizzazione chirurgica, per la cui attuazione ci sono diversi metodi.

L'occlusione tubarica è una trazione delle tube di Falloppio. In questo caso, l'animale è privato della capacità di generare figli, tuttavia, i cambiamenti comportamentali durante il periodo di attività sessuale continueranno. Ciò è dovuto al fatto che lo sfondo ormonale del gatto rimarrà invariato.

L'isterectomia è la rimozione dell'utero, ma la conservazione delle ovaie. Questo metodo ha lo stesso effetto sull'occlusione tubarica dell'animale.

Queste specie non sono praticamente utilizzate nella pratica veterinaria, poiché influenzano negativamente la salute dell'animale.

Ovariectomia - rimozione delle ovaie. Dopo una tale operazione, insieme alla scomparsa del rischio di fecondazione, c'è un cambiamento nel background ormonale del gatto. La produzione di ormoni sessuali non viene eseguita, il che significa che l'estro e il rischio di cisti ovariche e falsa gravidanza scompaiono. Nel nostro paese, i veterinari usano più spesso questo metodo di sterilizzazione chirurgica, poiché è determinato come il più desiderabile. Tuttavia, tale sterilizzazione è possibile solo se il tuo gatto è abbastanza giovane e non ha ancora partorito.

Per quegli animali domestici che hanno partorito e sono già un po 'più grandi, esiste un altro metodo di sterilizzazione chirurgica - ovarioisterectomia. Consiste nel rimuovere non solo le ovaie, ma anche l'utero.

L'operazione di sterilizzazione degli animali avviene in anestesia generale. Gli esperti raccomandano di non dare da mangiare al gatto alla vigilia dell'operazione per evitare il vomito e l'aspirazione durante la procedura. Cioè, se la sterilizzazione era programmata per la mattina, l'ultimo pasto dovrebbe essere fatto fino alle 7 di sera del giorno precedente. La lunghezza dell'incisione chirurgica dipende dal tipo di sterilizzazione e dalle dimensioni degli organi dell'animale. La medicina moderna consente la cosiddetta operazione senza soluzione di continuità. In questo caso, la ferita ricevuta dall'animale non supererà 1 cm. Dopo tale intervento, il gatto non dovrà indossare una coperta.

Di solito, dopo essersi ripreso dall'anestesia, il tuo animale può stare sulle zampe in pochi minuti. Tuttavia, il recupero completo dopo l'intervento richiede da 5 a 14 giorni. A casa durante questo periodo, il gatto ha bisogno di cure particolari: è necessario dotare un letto piano, comodo per l'animale e controllare regolarmente le condizioni dell'animale. Assicurati che la ferita rimasta dopo l'operazione non si indebolisca o sanguini.

Sulla questione di a che età è meglio sterilizzare il gatto, gli esperti non possono dare una risposta unica. Alcuni veterinari ritengono che questo dovrebbe essere fatto tra l'età di 8 settimane e 6 mesi, dal momento che è in questo momento che i genitali sono già chiaramente visibili. Questi esperti ritengono che la sterilizzazione precoce aiuterà a evitare futuri problemi di salute degli animali domestici. Ma c'è un'altra opinione. Molti veterinari pensano che, al contrario, la sterilizzazione precoce può causare un deterioramento della salute del gatto e consigliare una simile operazione dopo la prima calura. Ci sono ancora esperti che consigliano di ricorrere alla sterilizzazione di un animale solo dopo 1 anno - da questo momento il corpo dell'animale sarà già completamente formato.

Certamente, molti proprietari si preoccupano quanto costa un sterilizzatore di gatto. Questa domanda non può essere risolta in modo inequivocabile, poiché i prezzi variano notevolmente nelle diverse città e in diverse cliniche. Ma in media, il costo di un'operazione del genere varia da 800 a 1.500 rubli.

Come nutrire animali domestici sterilizzati?

Quando sterilizzare un gatto?

Si ritiene che i gatti stessi siano in grado di regolare il loro appetito, quindi molti proprietari lasciano cibo per loro nel pubblico dominio. Tuttavia, questo è un errore molto comune. I gatti sono in grado di mangiare le loro prelibatezze preferite all'infinito. Le responsabilità di regolare la dieta dovrebbero trovarsi sulle spalle del proprietario. La quantità di cibo che un animale domestico consuma dovrebbe essere commisurata ai suoi costi energetici.

Vale la pena notare che i gatti sterilizzati hanno bisogno di meno cibo dei loro parenti, che conservano la capacità di riprodurre la prole. Questo principio dovrebbe costituire la base della scelta. nutrire per gatti sterilizzati. In questo caso, dovresti scegliere il feed, il cui valore energetico è ridotto. Inoltre, agli animali in tale situazione dovrebbero essere offerti giochi all'aperto per aumentare i costi energetici e quindi ridurre il rischio di obesità. Se le misure adottate non aiutano, e il tuo animale sta ingrassando comunque, dovresti passare al cibo dietetico.

Se si preferisce alimentare i cibi naturali animali, includere nella loro dieta una varietà di sottoprodotti, come il fegato, i polmoni, i ventricoli, e così via .. In aggiunta, si può dare loro porridge con latte, verdure, carne e latticini. Pesce anche essere escluso a causa del fatto che esso contiene un sacco di fosforo.

Quando si sceglie il cibo per gatti sterilizzati bisogna prestare attenzione alla presenza di fosforo e magnesio in esso e scegliere quello in cui questi elementi sono contenuti meno. Il fosforo e il magnesio possono provocare urolitiasi in un animale domestico.

Per quanto riguarda i produttori di mangimi, gli esperti non forniscono raccomandazioni chiare in merito. Certo, è meglio scegliere le opzioni premium e super premium. Di regola, hanno una composizione più equilibrata. Al momento dell'acquisto di cibo, non prestare particolare attenzione alla nota che è stato creato appositamente per gli animali sterilizzati, è meglio leggere attentamente la composizione del prodotto.

Certo, la sterilizzazione del gatto è una cosa contraddittoria, e molti proprietari non possono decidere in merito. Ma se è ancora necessaria un'operazione per un animale, consultare il medico e selezionare una clinica con una buona reputazione in modo da non danneggiare il vostro animale domestico.

Aggiungi un commento