Cancro al fegato

Sfortunatamente, nessuno di noi è immune dallo sviluppo di malattie associate alla comparsa di tumori maligni. Una delle patologie più gravi e molto comuni è il cancro al fegato. Segni e sintomi di questa malattia si manifestano più spesso sullo sfondo delle patologie epatiche precedentemente trasferite. Fortunatamente, la medicina ha fatto un grande passo avanti e questa malattia può essere curata.

Cancro al fegato: cause

Cancro al fegato: cause

Come sai, il fegato è considerato un organo di filtrazione. È a causa di esso che il corpo è purificato. Molti trascurano la loro salute, con il risultato che il fegato è sottoposto a forti colpi, soprattutto sotto l'influenza di fattori negativi esterni.

Lo stato del fegato è influenzato dall'umore psico-emotivo, dallo stress, dal fumo, dall'alcool, dai cibi malsani. Gli specialisti del trattamento hanno discusso a lungo, cercando di determinare le cause esatte del cancro al fegato. Fino ad ora, i medici non sono stati in grado di stabilire un elenco esauriente delle cause di questa patologia, poiché in varie situazioni un ruolo importante è giocato dalla predisposizione genetica, dallo stile di vita, dall'alimentazione, dal trasferimento di malattie complicate, ecc.

Come sapete, un tumore maligno non può apparire all'improvviso. Questa malattia si sviluppa solo nelle cellule malate colpite. La formazione di un tumore maligno sul fegato è dovuta all'influenza di una serie di fattori, quali:

  • epatite virale di vario grado (soprattutto per le forme croniche B e C);
  • cirrosi: durante lo sviluppo di tale malattia, le cellule del fegato vengono modificate, a seguito della quale si perde la funzione principale dell'organo;
  • consumo regolare di alimenti che contengono aflatossina - questo fungo patogeno si moltiplica in alcuni prodotti e solo in condizioni di elevata umidità, per esempio in soia, mais, riso di scarsa qualità, arachidi, ecc .;
  • un aumento della concentrazione di ferro nel corpo, la cosiddetta emocromatosi;
  • malattia di calcoli biliari in forma avanzata grave;
  • l'alcolismo;
  • patologia parassitaria in forma grave;
  • esposizione ad agenti cancerogeni, specialmente quando vengono ingeriti prodotti industriali pericolosi.

I medici esprimono anche l'opinione che una malattia a trasmissione sessuale, in particolare la sifilide, possa anche provocare il cancro al fegato. Gli uomini più spesso cadono nel gruppo a rischio a causa del loro stile di vita. Inoltre, atleti suscettibili alle malattie del fegato che usano grandi quantità di steroidi. C'è un'opinione, tuttavia, non ha ancora trovato la sua conferma scientifica e pratica che il cancro del fegato possa avvenire sullo sfondo del diabete.

I primi segni di patologia

Cancro al fegato: primi sintomi

Spesso, molte persone non sono nemmeno a conoscenza dello sviluppo di una malattia così terribile e complicata come il cancro del fegato. Alla manifestazione dei minimi sintomi, è necessario contattare immediatamente lo specialista presente e sottoporsi a un esame su vasta scala. Se il cancro al fegato viene rilevato in modo tempestivo, allora questo disturbo può essere curato non solo dalla chirurgia, ma anche attraverso il trapianto di organi.

Particolare attenzione dovrebbe essere prestata alla loro salute da persone con una storia di epatite o cirrosi. Si raccomanda di sottoporsi sistematicamente a esami completi pertinenti e condurre uno stile di vita sano. Come sai, il fegato è l'unico organo in grado di rigenerarsi.

I medici osservano che il cancro del fegato può manifestarsi in due forme:

  • primaria;
  • secondario.

La malattia oncologica della forma primaria deriva principalmente da cellule epatiche patogene colpite. Inoltre, questa patologia può svilupparsi da cellule immature o malate dei vasi epatici o dei dotti biliari.

La forma secondaria del cancro del fegato deriva dallo sviluppo del cancro di altri organi. Come dimostra la pratica, questa forma di cancro è metastatica. La sconfitta delle cellule epatiche può verificarsi a causa di cancro dello stomaco, intestino, pancreas.

Nella fase iniziale, il cancro del fegato è difficile da identificare. Per fare ciò, il paziente deve sottoporsi a un esame su vasta scala. Spesso, le persone si rivolgono agli specialisti presenti quando una forma di cancro al fegato è già in esecuzione. Ciò è dovuto al fatto che nella fase iniziale i sintomi caratteristici non si manifestano praticamente, poiché la neoplasia non è ancora cresciuta e le navi e il tessuto connettivo rimangono inalterati.

In una fase precoce, il cancro del fegato è spesso confuso con altre malattie. Questo periodo è caratterizzato dai seguenti sintomi:

  • stanchezza;
  • debolezza generale;
  • diminuzione della capacità lavorativa.

Gli specialisti del trattamento esortano le persone a rischio a sottoporsi a un esame sistematico. Come dimostra la pratica, in molti casi, il cancro del fegato viene rilevato come risultato dello studio di altri organi sullo sfondo dello sviluppo di una diversa patologia.

Come si manifesta un tumore?

Cancro al fegato: sintomi, manifestazione

Lo sviluppo del cancro del fegato passa attraverso 4 fasi. E se nella fase iniziale i sintomi caratteristici sono praticamente assenti, quindi con la crescita di un tumore maligno, i segni della presenza di patologia diventano specifici e pronunciati.

Se non diagnostichi il cancro al fegato in modo tempestivo e non segui un corso di trattamento, un certo numero di fattori farà sì che una neoplasia maligna cresca rapidamente. Nella seconda fase, il tumore raggiunge una dimensione di 5 cm, in questo caso i vasi sanguigni sono già colpiti dalle cellule patogene. Durante questo periodo, il paziente ha i seguenti sintomi:

  • aumento della soglia di temperatura (in casi eccezionali la temperatura può superare i 38 °);
  • sensazione di pesantezza nel peritoneo;
  • tirando stupidi attacchi di dolore, specialmente dopo l'esercizio;
  • dolore nella regione dell'ipocondrio destro (in alcuni casi, il dolore può essere dato alla regione lombare);
  • riflesso di nausea e vomito;
  • gonfiore;
  • eccessiva formazione di gas;
  • disfunzione del tubo digerente: c'è principalmente diarrea persistente e intensa.

Se il paziente non si sottopone al trattamento al secondo stadio, inizierà a perdere peso in modo drammatico, le sindromi dolorose diventeranno regolari, la febbre verrà mantenuta costantemente a causa della crescita del tumore e della diffusione delle tossine.

Nella terza fase del cancro del fegato, aumenta la dimensione della neoplasia maligna. Come mostra la pratica, è a 3 stadi dello sviluppo della patologia il modo più facile per diagnosticare. È durante questo periodo che il paziente presenta sintomi specifici, in particolare:

  • aumento della dimensione del fegato, che può essere determinata anche con la palpazione;
  • costante sensazione di gonfiore (pienezza);
  • gonfiore si verifica;
  • appare l'ittero;
  • spesso ci sono sanguinamento dai passaggi nasali;
  • il liquido si accumula nella cavità addominale;
  • cambiamenti ormonali;
  • può verificarsi sanguinamento intraperitoneale;
  • una vena di ragno pronunciata appare sulla pelle;
  • la sindrome del dolore è permanente

Nella quarta fase, tutti i sintomi di cui sopra compaiono con maggiore intensità, in quanto le metastasi si diffondono agli organi vicini. Come dimostra la pratica, è impossibile curare il cancro al fegato dell'ultima fase. A causa delle varie manipolazioni e medicazioni, i medici possono solo alleviare la condizione e prolungare la vita del paziente, ma non curare completamente la malattia.

Quanti vivono con il cancro al fegato?

Cancro al fegato: per quanto tempo vivono?

Non esiste una formula esatta per calcolare l'aspettativa di vita per il cancro del fegato. Una serie di fattori influenzano la durata della vita del paziente, che anche gli specialisti presenti non possono prendere in considerazione.

Nell'identificazione e nel trattamento del cancro del fegato nelle fasi iniziali, la sopravvivenza e il recupero completo sono del 75%. Come per la fase 3-4 dello sviluppo della patologia, in questa fase la dimensione del tumore, la presenza o l'assenza di metastasi influenzerà la durata della vita del paziente. In casi estremi, gli specialisti possono eseguire un trapianto di fegato e rimuovere l'organo interessato. Come mostra la pratica, nella maggior parte dei casi l'esito di tale operazione è positivo e aumenta l'aspettativa di vita del paziente.

Nonostante il fatto che la medicina moderna abbia possibilità quasi illimitate, sfortunatamente i medici non sono onnipotenti. In alcuni casi, non possono curare completamente il paziente di cancro al fegato. Ma gli specialisti presenti faranno tutto il possibile per alleviare i sintomi e prolungare la vita della persona. Non dimenticare che lo stato psico-emotivo e la fede nella guarigione svolgono un ruolo importante nella lotta contro la malattia. Ti benedica!

Aggiungi un commento